SEISHUN BUTA YARŌ WA YUMEMIRU SHŌJO NO YUME O MINAI

Titolo SEISHUN BUTA YARŌ WA YUMEMIRU SHŌJO NO YUME O MINAI
Titolo originale 青春ブタ野郎はゆめみる少女の夢を見ない Seishun buta yarō wa yumemiru shōjo no yume o minai (lett. “Il giovane maiale non sogna una ragazza sognante”). Conosciuto anche con il titolo inglese Rascal Does Not Dream of a Dreaming Girl
Genere DrammaticoPsicologico, Soprannaturale 
Durata 90 min.
Anno 2019 (it. inedito)
Regia Sōichi Masui
Soggetto Hajime Kamoshida (light novel illustrata da Keeji Mizoguchi) 
Sceneggiatura Masahiro Yokotani
Character design Keeji Mizoguchi (orig.), Satomi Tamura
Musiche Fox Capture Plan
Una produzione CloverWorks
In breve Shoko Makinohara: chi era costei? Dopo aver rimediato alle sindromi adolescenziali altrui, Sakuta Azusagawa deve ora fare i conti con la propria. Non sarà una passeggiata, e nel mentre capiteranno pure una o due circostanze non esattamente piacevoli.
Rascal Does Not Dream of a Dreaming Girl - Le due ShokoCi eravamo lasciati, al termine di Seishun buta yarō, con un Sakuta teoricamente pronto a raccogliere i frutti di quanto aveva seminato in 13 episodi. Risolti i problemi soprannaturali delle sue numerose amiche, il nostro eroe sarebbe stato finalmente libero di godersi in santa pace la storia con Mai. Restavano però ancora due problemi. Innanzitutto, la gestione del reinserimento scolastico di Kaede, la sorellina con tendenze hikikomori. E poi, la questione del mistero aleggiante intorno a Shoko Makinohara: ragazzina o giovane donna? Gattara tenera e un po’ spaurita o affascinante e salvifica figura femminile?

Dreaming Girl tenta di rispondere a quest’ultima domanda. Per quanto riguarda Kaede, rimandiamo invece alla lettura delle successive light novel di Hajime Kamoshida. Tornando al film, sarà chiarita anche l’origine della sindrome adolescenziale di Sakuta (ricordate? si trattava di ferite al torace).

Dimentichiamoci i toni da commedia brillante tipici della serie. I protagonisti ora si trovano costretti a confrontarsi con bazzecole quali la malattia, il lutto, la morte. Per carità, non siamo di certo così chiusi e conservatori da pretendere che i personaggi continuino a muoversi lungo i soliti, tradizionali, rassicuranti binari. E tuttavia, rimanendo in tema ferroviario, Dreaming Girl ai nostri occhi non costituisce un’interessante deviazione su una linea alternativa. Piuttosto, ci è sembrato che il convoglio deragliasse. Altrimenti detto, Sakuta & C. si rivelano in una certa misura fuori posto nel momento in cui sono chiamati ad interpretare un ruolo tragico.

E se da un lato è apprezzabile che la stella di Mai torni finalmente a risplendere dopo la conclusione del primo arco narrativo, dall’altro torna però a manifestarsi il problema di fondo della saga. Alludiamo alla sintesi non perfettamente riuscita tra pseudoscientifico e soprannaturale. Il problema affliggeva anche la serie, ma non disturbava più di tanto. In Dreaming Girl, per contro, questo difetto tende a presentarsi con un’incidenza un tantino fastidiosa, forse persino per i fan più sfegatati. 

Punti di forza Le domande più succose lasciate sul piatto dalla serie trovano finalmente una risposta. Soprattutto, Mai si riprende il posto che le spetta a pieno titolo.
Punti di debolezza Personaggi palesemente inadatti a ruoli strappalacrime. Piuttosto forzato il tentativo della trama di salvare capra e cavoli a tutti i costi. Qualcuno (esclusi eventualmente i lettori delle light novel) ha davvero capito cosa succede di preciso nell’ultima mezz’ora? Ma soprattutto, lo saprebbe rispiegare senza che suoni poco convincente alle sue stesse orecchie?
Visione del mondo Amore, altruismo, bontà d’animo, generosità: quando ci sono, si riesce a far quadrare ogni cosa (?) anche nelle situazioni più disperate.
Altre informazioni Approfondisci su Social Anime
Rascal Does Not Dream of a Dreaming Girl - Un Sakuta in ansia per il proprio celibato
Spoilerone: Sakuta si sposa! LOL
SuperWebTricks Loading...