ARABURU KISETSU NO OTOME-DOMO YO

Titolo ARABURU KISETSU NO OTOME-DOMO YO
Titolo originale 荒ぶる季節の乙女どもよ。 Araburu Kisetsu no Otome-domo yo (lett. “O fanciulle nella stagione più turbolenta”). Conosciuto anche con il titolo inglese O Maidens in Your Savage Season
Genere Commedia, Scolastico, Sentimentale, Slice of life
Durata 12 episodi (24 min.)
Anno 2019 (it. inedito)
Regia Masahiro Ando, Takurō Tsukada
Soggetto Mari Okada (manga illustrato da Nao Emoto)
Sceneggiatura Mari Okada
Character design Nao Emoto (orig.), Kaori Ishii
Musiche Moe Hyūga
Una produzione Lay-duce
In breve Kazusa e le sue amiche sono iscritte a un club di letteratura abbastanza chiacchierato per gli audaci contenuti dei brani letti e commentati durante le riunioni. In bilico tra la necessità di rimanere fedeli a se stesse e l’inevitabile spinta al cambiamento, Kazusa e le altre si preparano ad attraversare la loro stagione più turbolenta.
Punti di forza Interessanti le premesse: suggeriscono l’idea di uno scolastico con protagoniste più sfaccettate (e situazioni meno stereotipate) di quanto non accada di solito. E per certi versi, è pure così. Peccato, però, che…
Punti di debolezza … gli sviluppi assunti dalla trama tradiscano, almeno in parte, le nostre legittime aspettative. Il tutto finisce poi col prendere una piega che snatura la genuinità e la freschezza di partenza.
Visione del mondo Anche le ragazze ci pensano. Eccome, se ci pensano.
Altre informazioni Approfondisci su Social Anime

O MAIDENS IN YOUR SAVAGE SAISON E L’APPARENTE TURBOLENZA DELLE FANCIULLE DI MARI OKADA

Max Frisch sosteneva che non ci fosse arte senza eros. Mari Okada deve averlo preso in parola. E così, ha ipotizzato un club di letteratura ben diverso dal suo omologo in Welcome to the NHK. Ricordate? Sato e la senpai trascorrevano i pomeriggi giocando a carte. In Araburu kisetsu no otome-domo yo troviamo invece cinque ragazze che partecipano con maggiore solerzia alle attività di club. Nella fattispecie, si dedicano alla lettura ad alta voce di opere dalle pagine ricolme di sensualità. Piuttosto sconveniente, per delle signorine perbene. Ecco perché il club non ha (ancora) un insegnante responsabile di riferimento.

Il circolo è presieduto dalla seriosa e tutta d’un pezzo Rika Sonezaki, attenta a distinguere la valenza estetica dell’eros dalla volgare prosaicità del concreto atto sessuale. Su posizioni diametralmente opposte troviamo invece, a dispetto del suo fascino etereo e malinconico, l’ex attrice Niina Sugawara, apparentemente portavoce del carpe diem oraziano. Non poteva mancare, a proposito di arte ed eros, la scrittrice in erba Hitoha Hongō, desiderosa di esplorare il sesso come strumento per alimentare la creatività e affinare il talento letterario.

Tuttavia, la storia è raccontata perlopiù dal punto di vista della dolce e un po’ impacciata Kazusa Onodera, innamorata da sempre di Izumi, amico di infanzia e vicino di casa. Un piccolo incidente costringe però Kazusa a rendersi conto che il suo amato non è più il ragazzino di un tempo. Ma cosa significa, poi, diventare adulti? Ed ecco che ciascuna delle nostre eroine tenta di offrire, a modo proprio, una risposta a questo interrogativo.

O Maidens in Your Savage Season - Araburu Kisetsu no Otome-Domo yo - Izumi, il protagonista maschile
Izumi, mentre tenta di imitare il Dark Flame Master

La più bella delle menzogne

Artificium significa, tra le altre cose, arte, perizia. Ma anche astuzia, raggiro. Dobbiamo ricorrere al latino, perché in italiano è difficile trovare una parola che descriva così bene luci e ombre degli script firmati da Mari Okada. Zia Mari non è di quegli sceneggiatori che si ingegnano nel dimostrarsi a tutti i costi arguti, per farsi perdonare di essere verbosi. Non punta su un cerebralismo inutile e pretestuoso, solo per darsi un tono da finta intellettuale. Non è oscura, involuta, sibillina: tutto ciò che deve passare, filtra alla perfezione. E allora, dove sta l’inghippo?

Anche ammettendo che l’arte sia, in ogni caso, una menzogna – per quanto la più bella delle menzogne, come ci ricorda Débussy – ciò non significa che l’inganno si debba scoprire fin troppo facilmente. Alludiamo, per esempio (così, giusto per vincere facile) alla seduta di gruppo davanti al santuario nell’ultimo episodio di Ano Hana. Difficile trovare un’interpretazione altrettanto calcata, inautentica, teatrale (il tempio come palcoscenico?). A meno di non scomodare un’improbabile partita a strega comanda color in notturna a scuola. Ma c’è di più.

Araburu kisetsu no otome-domo yo ci era stata rivenduta – e per diverse puntate ci abbiamo pure creduto – come la serie dove l’approccio alla sessualità femminile era finalmente condotto con un taglio realistico. Lasciamo perdere Scum’s Wish, dove il presupposto di partenza è il malessere psicologico ed esistenziale di tutti i personaggi. Qui abbiamo ragazze sane con desideri sani. Evviva.

O Maidens in Your Savage Season - Araburu Kisetsu no Otome-Domo yo - Rika Sonezaki

Araburu: ad ogni modo, Mari ci sa fare

L’illusione si è spezzata durante una colazione estiva con il resto dello staff. Dopo un’attenta analisi, siamo giunti ad una conclusione che ha raffreddato i nostri entusiasmi iniziali. Qui non si tratta di una serie con l’ambizione di descrivere in modo autentico e genuino l’adolescenza – e le sue intense, ondivaghe pulsioni – da una prospettiva femminile. Abbiamo invece un prodotto per ragazzi, confezionato a bella posta, in modo da suscitare nel pubblico l’impressione che finalmente ci troviamo di fronte a un’opera di rottura. Spiacenti, non lo è.

Le protagoniste di Araburu kisetsu no otome-domo yo rimangono sempre e comunque osservate, rielaborate e idealizzate attraverso una lente maschile. Eppure, Mari Okada, pur tradendosi (quasi) sempre, si dimostra ancora una volta una raccontatrice di storie più abile, scaltra e interessante rispetto alla media. Merito suo, o colpa del panorama sconfortante che si contempla fin troppo spesso al giorno d’oggi?

Tra clublife riempiti soltanto di psicologia intorno al buco dell’ombelico, e scolastici di impianto tradizionale con i cliché del 1988 aggiornati alla tecnologia odierna, la prestigiatrice Okada riesce sempre a convincerti a pagare il biglietto per un suo spettacolo. E poco importa se a metà dello show si scorgono le ali delle colombe ammassate sotto il cilindro, o i piedi del complice nascosto nel doppiofondo della cassa.

O Maidens in Your Savage Season - Araburu Kisetsu no Otome-Domo yo - Kazusa, Momoko, Niina e Hitoha

SuperWebTricks Loading...