QUANTO È IMPORTANTE L’ORIGINALITÀ NEGLI ANIME?

Nelle recensioni di anime si fa spesso riferimento all’originalità come parametro valutativo. Anch’io ho scritto che Nisekoi sa di già visto e Toradora non si distingue per originalità. Di ef – a tale of memories mi sono chiesto se fosse un capolavoro o un anime convenzionale ben agghindato. Non ritiro queste mie considerazioni, anzi sarei pronto a sottoscriverle di nuovo! Ma il punto è un altro. L’originalità di un anime, assunta a criterio estetico, è davvero in grado di condizionare le nostre opinioni su serie e film?

Un amico potrebbe raccomandarci un anime per la sua originalità. Di quelli che si guardano perché rompono gli schemi tradizionali e occupano un posto privilegiato nella storia dell’animazione. Tra gli anime più belli, che compaiono nelle classifiche stilate da pubblico e critica non manca mai Cowboy Bebop. Dando un’occhiata ai commenti di Anime Click, mi sono reso conto di un fatto. Su diciotto utenti che hanno rilevato l’originalità dell’opera, ben quattordici hanno assegnato il punteggio massimo di 10/10 (9/10 gli altri tre, uno solo 7/10). Più in generale, le classiche stracolmano di anime innovativi o sperimentali, come Neon Genesis Evangelion, Madoka Magica o Mobile Suite Gundam.

Lo stesso amico di prima, conoscendo i nostri gusti personali, potrebbe uscirsene con una frase del tipo: “Se ti piace Il mistero della pietra azzurra, dovresti guardare Il segreto della sabbia“. Troviamo la sua proposta legittima e convincente. Perché non possiamo apprezzare un’altra storia ambientata nel XIX secolo, che ruota intorno a una polvere azzurra dagli strani poteri, con una protagonista appassionata di meccanica e un fratello uguale a Jean Luc Lartigue?

Personalmente, il citazionismo spinto mi ha infastidito e il confronto con l’originale non regge. Però è innegabile che a volte incominciamo una serie che ce ne ricorda un’altra, perché ad esempio è di sapore “miyazakiano”. Così ho iniziato Children of the Wales (e non vedo l’ora che esca una seconda stagione!).

Anche Kokoro connect e Kiznaiver sono molto simili. In entrambi i casi, i protagonisti entrano in connessione tra di loro, riuscendo a trasmettersi le proprie emozioni. Ma Kiznaiver, a mio avviso, è la brutta copia di Kokoro Connect. Altri due anime che hanno lo stesso concept sono Il giardino delle parole e Dopo la pioggia. Due adolescenti che si innamorano di due adulti durante la stagione delle piogge. Oltre alla trama di partenza condividono in realtà anche lo spirito lirico. È comunque difficile istituire paragoni. Non solo perché hanno una durata diversa,trattandosi di un mediometraggio e di una serie. Ma, soprattutto, perché l’indipendenza delle due opere è garantita  dalla loro riuscita.

L’ultimo titolo che vi propongo (non poteva essere altrimenti!) è Your Name. Fan e detrattori del film di Shinkai hanno dibattuto a lungo sull’originalità (molto più spesso negata) dell’opera . Basta rileggere il precedente paragrafo, per trovare due storie incentrate sullo scambio dei corpi (i già citati Kokoro Connect e Kiznaiver). Gli stessi estimatori riconoscono che la bellezza del film vada ricercata in altro. Ad ogni modo, i forti debiti di Shinkai con altre serie e film non hanno impedito al suo Your Name di sbancare al botteghino e di guadagnarsi il primo posto degli anime più belli di sempre, secondo gli utenti di Anime News Network.

Ci chiediamo ancora una volta quanto sia importante l’originalità negli anime. A quanto pare, possiamo apprezzare sia storie innovative e sperimentali (finché non scadono nella maniera o nel finto intellettualismo), sia variazioni sul tema (se non sono opere dozzinali di scarsa qualità). In fondo, per gli antichi romani essere originali significava appartenere alla tradizione. Altrimenti avrebbe poco senso studiare Virgilio a scuola!

Il concetto di originalità ha anche un’altro motivo d’interesse. Un anime non può essere considerato un prodotto a sé stante, ma si inserisce in un circolo di relazioni con le serie e i film che l’hanno preceduto e che lo seguiranno. La dimensione dell’originalità sembra quindi più esterna che intrinseca all’opera. Ecco perché, in un certo senso,  ho qualche perplessità ad adottare l’originalità come criterio estetico tout court.

originalità negli anime - Evangelion
Neon Genesis Evangelion, uno degli anime più innovativi e sperimentali mai realizzati.

Ti potrebbe interessare:

Simone Pavesi

Curatore del sito "AnimeBambu.it"

SuperWebTricks Loading...