L’ESTATE RACCONTATA DAGLI ANIME

È finita.
Vacanze. Vacanze. Vacanze.
Per tre mesi. Come dire sempre.
La spiaggia. I bagni. Le gite in bicicletta con Gloria. E i fiumiciattoli di acqua calda e salmastra, tra le canne, immerso fino alle ginocchia, alla ricerca di avannotti, girini, tritoni e larve d’insetti.

L’incipit del romanzo di Niccolò Ammaniti Ti prendo e ti porto via è una sintesi efficace delle aspettative che hanno gli studenti sulle vacanze estive. D’accordo, si possono fare tante altre cose, al posto di inzupparsi d’acqua cercando animaletti nei fiumi. Il concetto però non cambia. L’estate è divertirsi con gli amici, passare del tempo con la ragazza che ci piace, non avere pensieri fino a settembre.

Ma diciamoci pure la verità. L’estate non è sempre così fantastica come la immaginiamo. Mentre passo gran parte del mio tempo libero tappato in casa, soffrendo il caldo torrido e annoiandomi in compagnia delle zanzare, mi sono posto una domanda. Come passano l’estate i personaggi degli anime? Magari seguo qualche loro suggerimento…

Quando ero un bambino, alcuni dei miei migliori amici non li vedevo fino a settembre. Andavano a trovare i nonni, che abitavano in Liguria, in Toscana o nel Sud Italia. Al loro rientro, mi raccontavano quanto si erano divertiti con gli amici del posto. In Hotarubi no mori e, Hotaru passa ogni estate nella residenza estiva di uno zio in un villaggio di montagna. Ci va volentieri perchè può stare in compagnia di Gin, uno spirito della foresta che ha le sembianze di un ragazzo. Questa amicizia estiva diventerà con gli anni sempre più forte.

Ad annoiarsi, durante la villeggiatura a casa di una prozia, è la piccola protagonista di Mary e il fiore della strega. Prima di perdersi (anche stavolta) nella foresta ed entrare in una scuola per streghe, Mary non sa proprio come impiegare il tempo. Prova a rendersi utile aiutando il giardiniere, ma si rivela troppo maldestra. Per fortuna, il ritrovamento di un fiore azzurro e di una scopa abbandonata segneranno l’inizio di una magica avventura.

Negli scolastici l’estate sembra decisamente più divertente e romantica. Una gita al mare con gli amici, magari nel ryokan di un parente, è una tappa obbligatoria. In #9 Quando si parla di andare al mare, tu… di Toradora è la bella Ami che mette a disposizione la casa vacanze, dopo aver perso una scommessa con Taiga. Sarà un’occasione per Ryuji e Minori di parlare di fantasmi e delle rispettive concezioni dell’amore. Anche se si tratta di una gita scolastica, non perdetevi le esilaranti #Lessons 37-41 di GTO, ambientate in una località turistica molto battuta dai personaggi degli anime: l’isola di Okinawa.

I liceali non vedono l’ora che arrivi Tanabata (che cade il 7 luglio) per vedere le ragazze con lo yukata. Anche le più scontrose e aggressive si rivelano molto femminili in abiti tradizionali. Guardate per esempio Chitoge di Nisekoi in #17 Il festival del tempio.

Chitoge in yukata

Un altro appuntamento estivo importante è quello con i fuochi di artificio, da vedere con la persona di cui si è innamorati. Se, come per Isla in #8 I fuochi d’artificio che non ho mai visto di Plastic Memories, è la vostra prima volta, state pur certi che assisterete a uno spettacolo emozionante. Evitate però sterili questioni in stile Fireworks. Ma i fuochi d’artificio, visti di lato, appaiono piatti oppure rotondi?

Che altro fare? Non sarebbe male un lavoretto estivo, come fingervi il fidanzato di una ragazza che già vi piace davanti a sua nonna, come in Summer Wars. In un altro film di Hosoda, La ragazza che saltava nel tempo, Makoto e i suoi amici trascorrono i pomeriggi estivi a giocare a baseball. Se siete un po’ più piccoli nascondetevi in un rifugio segreto insieme ai Super Busters della pace di Ano Hana. In alternativa potete pedalare per il paese seguendo le orme di Takagi e Nishikata di Takagi-san. Magari punzecchiando il vostro compagno di passeggiate in bicicletta. Ad ogni modo, le vacanze sono ancora lunghe. E se proprio non sapete cosa fare, rimangono le vecchie care maratone di anime!

anime sull'estate - ventilatore

Ti potrebbe interessare:

Simone Pavesi

Curatore del sito "AnimeBambu.it"

SuperWebTricks Loading...