KOKORO CONNECT

Titolo KOKORO CONNECT
Titolo originale ココロコネクト Kokoro Konekuto
Genere Commedia drammatica, ScolasticoSentimentale, Soprannaturale
Durata 13 episodi + 4 speciali conclusivi (24 min.)
Anno 2012 (it. inedito)
Regia Shin Onuma, Shinya Kawatsura
Soggetto Sadanatsu Anda (light novel illustrate da Shiromizakana)
Sceneggiatura Fumihiko Shimo
Character design Shiromizakana (originale), Toshifumi Akai
Musiche Yasuhiro Misawa
Una produzione Silver Link
In breve Cinque liceali membri dello stesso club sono costretti a subire esperienze paranormali. Ciò li porterà, loro malgrado, ad esplorare a fondo i recessi più intimi della propria anima. E a comprendersi meglio gli uni con gli altri.
Punti di forza Scorrevole, interessante, godibile: un anime piacevole che ripete ciclicamente la stessa formula senza stancare mai. Poco per volta, si finisce con l’affezionarsi ai protagonisti e alle loro storie.
Punti di debolezza Manca un’adeguata caratterizzazione iniziale dei personaggi: si parte subito in quarta senza un minimo di contestualizzazione. La sceneggiatura dei primi episodi tenta macchinosamente di risolvere il problema, ma la cura è peggio del male.
Visione del mondo Non ci si deve illudere di riuscire a fare tutto da soli e neppure dipendere integralmente dagli altri: bisogna affrontare le battaglie della vita combattendo fianco a fianco insieme agli altri.
Altre informazioni Approfondisci su Social Anime

KOKORO CONNECT, O LE INTERMITTENZE DEL CUORE

All’inizio può essere preso per uno dei molti scolastici di oggigiorno incentrati sulla vita di club. Ma già alla fine del primo episodio, l’impressione si rivela inesatta. E Kokoro Connect svela ben presto (forse troppo presto?) le sue carte. Una commedia agrodolce sospesa tra il sentimentale e il soprannaturale.

Protagonisti due ragazzi e tre ragazze, membri dello stesso circolo culturale. Tutto procede con l’apparente indolenza e staticità talvolta rimproverata al sottogenere club life. Ma ecco l’imprevisto: l’insegnante responsabile del club viene posseduto da una misteriosa entità dotata di poteri magici. Come ciò sia potuto accadere, non è chiaro. Il punto però è un altro: Fuuzen Kazura (lo spirito che si è impadronito del corpo del professore) intende sottoporre i cinque a una serie di prove. Dice di trovarli soggetti interessanti e di voler osservare le loro reazioni al solo scopo di divertirsi sulla loro pelle.

Kokoro Connect - Fuuzen Kazura

Nella prima minisaga di Kokoro Connect (corrispondente alla prima prova da superare) i nostri eroi si troveranno a scambiarsi vicendevolmente i corpi. Alla Your Name, per intenderci. Ma in cinque la cosa si fa un po’ più complicata. Di prova in prova (e di minisaga in minisaga) Taichi, Iori, Inaba, Yui e Aoki impareranno a conoscersi e a conoscere gli altri componenti del circolo. Si scopriranno gli altarini, salteranno fuori insospettabili scheletri dall’armadio. Fioccheranno equivoci ed incomprensioni. Le verità da affrontare a volte saranno proprio difficili da mandare giù. E spesso comporteranno momenti di debolezza e di sconforto tali da minare il proprio equilibrio mentale. La posta in gioco sarà sempre la stessa: affrontare le sfide che marcano il passaggio dall’adolescenza all’età adulta. E soprattutto, riuscirci rimanendo uniti come gruppo.

L’amicizia, vero fulcro di Kokoro Connect

Kokoro Connect - AmiciziaSe del quintetto di Toradora! passano quasi in secondo piano i rapporti che legano Ryuji a Yusaku o Taiga a Minori, in Kokoro Connect è l’amicizia a interpretare la parte del leone. Niente paura: chi cerca il romance ne troverà a piene mani. Ma non è un romance alla Clannad con un ragazzo circondato da fanciulle slegate le une alle altre e un’altra presenza maschile nel ruolo di mera spalla comica. C’è l’innamorato non (ancora?) ricambiato, il ragazzo indeciso, la terza incomoda, è vero. Però, prima di tutto, c’è una squadra ben affiatata di personaggi che si vogliono bene.

Kokoro Connect riesce a raggiungere gli obiettivi che si prefigge, e per questo resta un prodotto ben confezionato. Parte con qualche strappo al motore, e finalmente si incanala sulla giusta rotta verso il quinto o sesto episodio. Molti apprezzeranno l’entrare subito nel vivo della trama. A noi pare che un minimo di presentazione iniziale dei personaggi non avrebbe guastato. Sulle prime, infatti, la sceneggiatura zoppica e non riesce a delineare al meglio i tratti caratteriali dei protagonisti. Deve ingegnarsi con espedienti un pochino patetici (vedi la passione di Taichi per il wrestling) nello sforzo disperato di riempire contenitori altrimenti vuoti. Poi, pian piano, i cinque si prendono il disturbo di farsi conoscere dagli spettatori, e la faccenda diventa interessante.

Kokoro Connect - TaichiIn sintesi, Kokoro Connect resta uno dei più gradevoli (e scorrevoli) school life che ci sia capitato di visionare negli ultimi tempi. E poi, diciamocelo: noi della vecchia guardia a volte ci troviamo spaesati, con questi anime recenti dove il protagonista maschile è sempre una specie di hikikomori/NEET cinico/disincantato/demotivato. Finalmente, un bel bietolone di quelli che andavano di moda negli anni 80 e 90. Non particolarmente sveglio, ma senz’altro un bravo ragazzo, di ottimi sentimenti, con un’innamorata nel cuore. Al contrario, Inaba ci piace perché è un personaggio femminile veramente moderno, interessante, fuori dai soliti schemi. Anche solo per la nostra vicepresidentessa preferita, la serie meriterebbe ampiamente una possibilità.

Ti potrebbe interessare:

SuperWebTricks Loading...